Paterno e l’eremo di San Marco

Posto in cima al paese, l’eremo di S. Marco versa ormai in rovina. Un bene che ancora si potrebbe recuperare.

Paterno_eremo

Paterno Calabro conservava, e in parte conserva tuttora, un notevole patrimonio artistico sparso tra i vari rioni che compongono il paese. Soprattutto nei molti i luoghi di culto che costellano il territorio del comune in provincia di Cosenza.

Paterno_convento_minimi_s.francesco

Convento di S. Francesco dei Minimi a inizi ‘900

Questa presenza di più chiese è da ricondursi alla divisione del paese in quattro casali distinti che andavano a comporre la Bagliva di Paterno, ognuno dei quali aveva una propria organizzazione e una propria chiesa parrocchiale. In particolare nei primi del ‘600 si attestano i rioni di Merende, S. Giovanni, Calendini e Capore, con le rispettive chiese parrocchiali dedicate a S. Barbara, S. Giovanni, SS. Pietro e Paolo e a Tutti i Santi.

Paterno_ruderi_s.marcoA queste si aggiungeva il convento dei minimi. Questo si trovava al centro tra i quattro rioni e per questa ragione doveva avere un particolare ruolo unificatore tra le quattro entità, tanto che nel ‘700 era proprio nell’atrio del convento che si radunavano a suono di campana gli abitanti di Paterno per discutere delle questioni riguardanti il paese.

Vari altri luoghi di culto erano poi sparsi tra i rioni e le campagne circostanti. Tra questi merita attenzione ciò che ancora resta della chiesetta di San Marco, posta nella parte alta di Paterno.

Paterno_cosenza_portaleLa chiesa, che dovette ospitare in passato un eremo, si presenta attualmente allo stato di rudere, ma fino alla metà del ‘900 era ancora in buono stato e frequentata dagli abitanti del paese.

L’edificio ha una struttura particolare, che lo rende interessante nonostante le sue cattive condizioni.

Paterno_calabro_facciata_s.marco

Facciata eremo di S. Marco

Particolarità della facciata è il piccolo atrio ad arco nel quale è posto l’arco in tufo che faceva da portale alla chiesetta. L’interno è pieno di macerie per il crollo della copertura, ma si distinguono le decorazioni ottocentesche in stucco dell’altare laterale sinistro e dell’altare maggiore.

La struttura doveva però essere di molto più antica. Sul fianco sinistro erano affiancati alcuni locali di servizio a due pieni, mentre sul fianco destro un altro locale absidato fa pensare ad una cappella laterale affiancata alla principale.

Nonostante le cattive condizioni e la vegetazione che ne ingombra l’interno l’edificio conserva ancora il suo fascino, e una ripulita potrebbe essere un primo passo verso un eventuale recupero.

Lorenzo Coscarella

(Parola di Vita, 22/05/2014, p.18)

Facciata_eremo_paterno Paterno_calabro_san_marco

Advertisements

3 thoughts on “Paterno e l’eremo di San Marco

  1. Ma come si può!!!! Non abbiamo nessun rispetto per l’opera di chi ci ha preceduto. E pensare che a volte basterebbe davvero poco. Dici che era in buono stato fino a una sessantina di anni fa…è inconcepibile che sia stato lasciato a deteriorarsi lentamente

    • Si, alcune foto che girano anche sui social lo mostrano in lontananza ancora integro qualche decennio fa.
      È l’abbandono totale che distrugge, l’incuria, il disinteresse …
      Basterebbe davvero poco se si intervenisse subito, ma lasciando il tutto al proprio destino i danni aumentano e poi diventa impossibile. E purtroppo non è l’unico caso. Situazioni del genere ce ne sono a decine nei soli dintorni della città.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s