Cosenza, la città dei ponti

Città nata lungo le rive di due importanti fiumi, Cosenza ha avuto bisogno nei secoli di ponti per collegare le varie anime della città. L’ultimo in ordine di tempo è il costruendo ponte dell’architetto Calatrava.

Ponte_di_Calatrava

Il ponte progettato dall’architetto spagnolo Calatrava, del quale si discute tanto in questo periodo e i cui i lavori sembrano volgere al termine, è solo l’ultimo di una serie di ponti che nei secoli sono serviti ad attraversare le rive del Crati e del Busento.

Cosenza, città sorta lungo le sponde di due fiumi, non poteva che essere una città di ponti.

Ponte Cosenza

Già dall’antichità doveva dovevano essere presenti strutture che permettessero il transito da una riva all’altra. Anche le fonti medievali accennano alla presenza di ponti e la città arroccata sul Pancrazio si era espansa anche oltre le rive dei fiumi con la nascita di alcuni sobborghi.

Il ponte sul Busento, secondo la tradizione, era stato costruito in occasione della venuta dell’imperatore Federico II a Cosenza nel 1222 e rifatto nel ‘500. Un grande ponte a tre arcate, che collegava la zona di Rivocati con l’area dell’attuale piazza Valdesi. Altrettanto antichi erano i ponti sul Crati. Uno nella zona dei Pignatari, attualmente detta Massa, l’altro invece era il ponte di Santa Maria, attuale ponte Galeazzo di Tarsia o di San Francesco, e collegava l’attuale corso Telesio all’altezza della piazza piccola con l’inizio di corso Plebiscito.

Cosenza ponte

Un documento straordinario ci tramanda la configurazione dei ponti cosentini alla fine del ‘500. Si tratta del disegno di Cosenza conservato presso la Biblioteca Angelica di Roma, dove compaiono chiaramente i ponti citati.

La storia di questi ponti fu travagliata, soprattutto a causa delle alluvioni che interessarono la città, e varie volte vennero riedificati, spesso in legno, fino al grande rinnovamento dei primi del ‘900 quando i due ponti dei Rivocati e di Santa Maria vennero rifatti.

Ponte_san_Francesco

Anche i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale produssero ingenti danni e durante la ricostruzione molti ponti vennero rinnovati. Il ponte dei Rivocati, bombardato dagli alleati per rallentare la ritirata dei tedeschi, venne ricostruito e intitolato all’aviatore Mario Martire. Anche il ponte Alarico venne ricostruito in forma più imponente.

Ponti di Cosenza

Il resto è storia recente. Negli anni ’90 vennero posizionate sui fiumi tre passerelle pedonali in legno, veniva realizzato il ponte Europa e già si iniziava a parlare di un ulteriore grande ponte. Nel 2000, infatti, l’allora sindaco Mancini presentò il progetto di un ponte avveniristico realizzato dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava. Un ponte ad unica campata con un grande pilone, posto poco più a valle del ponte Europa per collegare il quartiere Gergeri con l’inizio di via Popilia.

Dopo anni di lentezza il cantiere del ponte è partito, fino al posizionamento della grande antenna il 23 luglio scorso. Il nuovo ponte è quasi pronto e la sua mole caratterizzerà il paesaggio urbano in modo notevole. Dal nuovo ponte, guardando a monte, è possibile vedere i “vicini” ponte Europa e ponte Alarico, e sullo sfondo il centro storico di Cosenza, il cuore antico della città, che da secoli è a guardia della confluenza dei fiumi e che si spera venga recuperato e valorizzato come merita.

Lorenzo Coscarella

Articolo intero su Savuto Magazine, Agosto/Settembre 2017, pp. 30-32

Cosenza città dei ponti. L Coscarella

Advertisements

One thought on “Cosenza, la città dei ponti

  1. Pingback: Esplorazioni sul campo | esplorazionicosentine

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s