Il Duomo di Cosenza

La Cattedrale è uno dei simboli di Cosenza e custodisce al suo interno opere che raccontano la storia della città. Molte altre, che ne costituivano il “tesoro”, sono oggi esposte nel vicino Museo diocesano.

Cosenza

Risalendo corso Telesio, l’arteria principale del centro storico, la duecentesca Cattedrale dedicata all’Assunzione di Maria appare maestosa a dominare la “piazza grande”, antico centro della vita cittadina.

La sua facciata si presenta in stile gotico-cistercense, segnata da quattro contrafforti e ristrutturata cercando di rispettare l’impostazione originaria, della quale rimangono i tre portali archiacuti in arenaria ed i due rosoni piccoli. Il rosone centrale riporta la data di fine dei restauri della facciata: 1944.

Cattedrale

Durante il tempo la struttura è stata interessata da un susseguirsi di lavori, di restauri, di rifacimenti. Molti dovuti alla necessità di riparare i danni dei vari terremoti, come quelli del 1638 o del 1854.

Molti altri, invece, da ricondurre alla volontà di seguire le mode dei tempi, come il radicale rifacimento in forme barocche di tutta la struttura nel corso del ‘700, ad opera dell’arcivescovo Capece Galeota, o il rifacimento della facciata esterna nel primi anni del XIX secolo. Fu l’arcivescovo Camillo Sorgente a dare il via a restauri nel 1886, mirati a riportare la struttura alle forme originarie, eliminando gradualmente le varie sovrapposizioni.

Capitelli

L’interno è suddiviso in tre navate, con pianta a croce latina e soffitto coperto da capriate lignee a vista. Rimosse le strutture barocche sono riemersi gli archi in tufo, che presentano interessanti capitelli decorati. La rimozione delle sovrapposizioni barocche ha portato però alla dispersione di molte opere, come le cappelle delle navate laterali, compresa quella della famiglia Telesio con la tomba del filosofo.

Duomo Cosenza

Nella navata destra è il bel sarcofago in marmo di età ellenistica che, secondo la tradizione, conserva le spoglie di Enrico VII, figlio dell’Imperatore Federico II.

Nella navata sinistra si aprono due interessanti cappelle barocche. La prima è la cappella del Pilerio. Realizzata per conservare l’icona bizantina della Patrona della città risalente al XII secolo, si presenta ricca di stucchi e marmi barocchi. Da qualche anno l’icona originaria è stata riposizionata nell’altare per essa progettato nel ‘700.

Sullo stesso lato, nell’area del transetto, ecco il monumento funerario di Isabella d’Aragona, regina di Francia morta nei pressi di Cosenza nel 1271.

Il presbiterio presenta linee architettoniche ricostruite sul finire del XIX secolo. È questa la zona in cui, durante i lavori di abbassamento del piano, sono venuti alla luce resti risalente alla fine del IV secolo d.c.

Ma la Cattedrale presenta anche altri motivi di interesse oltre a quelli citati. Nella sagrestia, ad esempio, si ritiene fosse un tempo collocata la tomba di Luigi III d’Angiò, morto nel castello di Cosenza nel 1434, dispersa nel corso dei vari rifacimenti.

Duomo

Molte delle opere provenienti dalla Cattedrale o che ne costituivano il “tesoro” sono oggi esposte nel vicino Museo diocesano. Basti pensare alla celebre stauroteca, la croce donata secondo tradizione dall’Imperatore Federico II all’arcivescovo Luca nel 1222, in occasione della consacrazione della cattedrale stessa. Tra museo e duomo si crea così un vero polo religioso-culturale, che dà modo di apprezzare un patrimonio di opere unico e rilevante per l’intera regione.

Lorenzo Coscarella

Articolo intero su Savuto Magazine, Ottobre/Novembre 2017, pp. 30-32

Advertisements

3 thoughts on “Il Duomo di Cosenza

  1. Pingback: La Cattedrale barocca ricompare in foto inedite | esplorazionicosentine

  2. Pingback: Cosenza e il Pilerio | esplorazionicosentine

  3. Pingback: Antiche foto raccontano i restauri del duomo di fine ‘800 | esplorazionicosentine

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s