Zumpano, San Giorgio e il suo Museo

Nel museo e nella chiesa parrocchiale del casale cosentino sono custodite opere di notevole interesse, tra cui diverse legate al culto del martire San Giorgio

Trittico_Vivarini

Il simbolo di Zumpano è senza dubbio la sua chiesa parrocchiale, struttura di impostazione quattrocentesca a tre navate, dalle linee semplici ma con elementi che la rendono una delle più interessanti della provincia. Con la sua mole domina la valle sottostante e caratterizza la piazza principale del paese con il particolare campanile a vela staccato, quasi un unicum nei dintorni.

Comune_di_Zumpano

L’edificio ha il titolo di San Giorgio Martire, Patrono del paese, la cui figura avvolta nella leggenda ha ispirato artisti e scrittori di ogni epoca. Il legame tra il casale di Zumpano e il martire Giorgio è testimoniato, oltre che da diverse fonti storiografiche, anche dalle opere che ancora sono conservate nella chiesa a lui dedicata e nell’annesso museo.

Nel 2008, infatti, è stato aperto il piccolo ma interessante museo che custodisce quello che è il tesoro della chiesa di Zumpano: oggetti d’arte, paramenti sacri e argenterie commissionate nei secoli per le esigenze della chiesa e della comunità.

Il museo, frutto di una sinergia tra parrocchia e amministrazione comunale, ha permesso a questo tesoro di trovare una degna sistemazione e di essere fruibile agli zumpanesi e ai turisti che volessero visitare il piccolo centro.

La croce astile in argento del ‘500 e il pulpito del ‘600 in legno intagliato sono tra i pezzi forti dell’esposizione. Riguardo alle raffigurazioni di S. Giorgio custodite nel paese, il primo e più interessante esempio si trova proprio su quella che è l’opera più preziosa che la chiesa custodisce: il trittico di Bartolomeo Vivarini del 1480.

Bartolomeo_Vivarini

Il pannello a sinistra di chi guarda rappresenta proprio il santo martire, raffigurato in piedi e in vesti da soldato, mentre regge uno scudo con la mano sinistra e con la destra sostiene la lancia con la quale trafigge il drago che calpesta sotto i piedi. La sua presenza è significativa perché è quasi una conferma del fatto che l’opera venne commissionata proprio per la chiesa di Zumpano dal celebre artista veneto.

Lorenzo Coscarella

in PdV, 08/06/2017, p. 19. Clicca sull’immagine per leggere l’articolo intero:

Articolo Zumpano Museo S.Giorgio

Advertisements