Il Duomo di Cosenza

La Cattedrale è uno dei simboli di Cosenza e custodisce al suo interno opere che raccontano la storia della città. Molte altre, che ne costituivano il “tesoro”, sono oggi esposte nel vicino Museo diocesano.

Cosenza

Risalendo corso Telesio, l’arteria principale del centro storico, la duecentesca Cattedrale dedicata all’Assunzione di Maria appare maestosa a dominare la “piazza grande”, antico centro della vita cittadina.

La sua facciata si presenta in stile gotico-cistercense, segnata da quattro contrafforti e ristrutturata cercando di rispettare l’impostazione originaria, della quale rimangono i tre portali archiacuti in arenaria ed i due rosoni piccoli. Il rosone centrale riporta la data di fine dei restauri della facciata: 1944.

Cattedrale

Durante il tempo la struttura è stata interessata da un susseguirsi di lavori, di restauri, di rifacimenti. Molti dovuti alla necessità di riparare i danni dei vari terremoti, come quelli del 1638 o del 1854.

Molti altri, invece, da ricondurre alla volontà di seguire le mode dei tempi, come il radicale rifacimento in forme barocche di tutta la struttura nel corso del ‘700, ad opera dell’arcivescovo Capece Galeota, o il rifacimento della facciata esterna nel primi anni del XIX secolo. Fu l’arcivescovo Camillo Sorgente a dare il via a restauri nel 1886, mirati a riportare la struttura alle forme originarie, eliminando gradualmente le varie sovrapposizioni.

Capitelli

L’interno è suddiviso in tre navate, con pianta a croce latina e soffitto coperto da capriate lignee a vista. Rimosse le strutture barocche sono riemersi gli archi in tufo, che presentano interessanti capitelli decorati. La rimozione delle sovrapposizioni barocche ha portato però alla dispersione di molte opere, come le cappelle delle navate laterali, compresa quella della famiglia Telesio con la tomba del filosofo.

Duomo Cosenza

Nella navata destra è il bel sarcofago in marmo di età ellenistica che, secondo la tradizione, conserva le spoglie di Enrico VII, figlio dell’Imperatore Federico II.

Nella navata sinistra si aprono due interessanti cappelle barocche. La prima è la cappella del Pilerio. Realizzata per conservare l’icona bizantina della Patrona della città risalente al XII secolo, si presenta ricca di stucchi e marmi barocchi. Da qualche anno l’icona originaria è stata riposizionata nell’altare per essa progettato nel ‘700.

Sullo stesso lato, nell’area del transetto, ecco il monumento funerario di Isabella d’Aragona, regina di Francia morta nei pressi di Cosenza nel 1271.

Il presbiterio presenta linee architettoniche ricostruite sul finire del XIX secolo. È questa la zona in cui, durante i lavori di abbassamento del piano, sono venuti alla luce resti risalente alla fine del IV secolo d.c.

Ma la Cattedrale presenta anche altri motivi di interesse oltre a quelli citati. Nella sagrestia, ad esempio, si ritiene fosse un tempo collocata la tomba di Luigi III d’Angiò, morto nel castello di Cosenza nel 1434, dispersa nel corso dei vari rifacimenti.

Duomo

Molte delle opere provenienti dalla Cattedrale o che ne costituivano il “tesoro” sono oggi esposte nel vicino Museo diocesano. Basti pensare alla celebre stauroteca, la croce donata secondo tradizione dall’Imperatore Federico II all’arcivescovo Luca nel 1222, in occasione della consacrazione della cattedrale stessa. Tra museo e duomo si crea così un vero polo religioso-culturale, che dà modo di apprezzare un patrimonio di opere unico e rilevante per l’intera regione.

Lorenzo Coscarella

Articolo intero su Savuto Magazine, Ottobre/Novembre 2017, pp. 30-32

Advertisements

Risalendo Corso Telesio

Un breve viaggio attraverso la principale strada del centro storico di Cosenza, dedicata al filosofo Bernardino Telesio.

corsotelesio

Corso Telesio è molto di più che una strada. Attraversa il cuore del centro storico di Cosenza, uno dei più estesi del Sud Italia, e ne è un po’ il biglietto da visita. Per i turisti che decidono di avventurarsi nella città vecchia non può che essere una tappa obbligata.

Un percorso lungo questa strada è già di per sé un percorso nella storia di Cosenza. Risalendo i vari tratti, infatti, è possibile incontrare alcuni degli edifici simbolo della città, e nelle adiacenze della strada diversi scavi archeologici hanno messo in evidenza i resti della Consentia brettia e romana, mentre al periodo medievale risale l’impianto viario che ancora conosciamo.

Piazza piccola

Partendo dall’attuale Piazza dei Valdesi, punto in cui il fiume Busento era attraversato da un antico ponte a tre arcate e luogo di una delle porte della città, il Corso si inerpica sul fianco del colle Pancrazio. Prende il nome da uno dei più illustri figli di Cosenza, il filosofo cinquecentesco Bernardino Telesio, ma fino all’Ottocento ogni tratto aveva un suo appellativo, legato alle professioni che vi si svolgevano o ai prodotti che si vendevano o producevano nelle varie aree: “Fontana nuova”, “Piazza delle uova” piazza piccola o “Piazza dei pesci”, “strada delli mercanti”.

Risalendo, ad un tratto la strada si allarga per far spazio alla “piazza grande” e l’attenzione viene attirata dalla imponente facciata di quello che, insieme al castello svevo, è uno dei principali monumenti della città: il Duomo.

Il tratto del corso che dal Duomo sale verso l’attuale piazza Parrasio era noto come Strada degli orefici, mentre dalla piazza in poi prendeva il nome di Giostra nuova, in contrapposizione alla Giostra vecchia che si trovava più in alto. Il nome “Giostra” deriva dall’usanza di svolgere qui gli antichi tornei a cavallo nei quali si sfidavano i cavalieri, e in questo tratto nel ‘500 vennero costruiti alcuni tra i più imponenti palazzi nobiliari della città.

Piazza Parrasio

Si giunge infine in Piazza XV Marzo, già detta “Paradiso”, a detta di molti una delle piazze più belle del Meridione. Prende il nome dall’insurrezione del 15 marzo 1844, anticipo della spedizione dei Fratelli Bandiera ricordata dalla statua raffigurante la Libertà. Su di essa affacciano edifici molto significativi come il palazzo della Provincia, il Teatro Alfonso Rendano e il palazzetto dell’Accademia e Biblioteca Civica. Telesio, con la sua statua inaugurata nel 1914, è anche qui protagonista.

Centro storico

Attraversare Corso Telesio è come compiere un viaggio attraverso i secoli, ma la storia continua nei numerosi vicoli che da qui si inoltrano nei vari quartieri della città vecchia. L’abbandono degli ultimi anni, i crolli, il degrado di molte zone, non rendono giustizia alle potenzialità della città vecchia.

Centro storico cs

La speranza è che si mettano in atto tutte le misure necessarie in primo luogo per la messa in sicurezza e, subito a seguire, per la valorizzazione di questa porzione di Cosenza. Una porzione fondamentale per una città che dovrebbe andare più fiera della sua storia plurimillenaria.

 Lorenzo Coscarella

Articolo intero su Savuto Magazine, Aprile/Maggio 2017, pp. 26-27

Corso_Telesio_L.Coscarella