Cribari: un intero paese diventa museo

Nella piccola frazione di Trenta si è scommesso su un progetto che, puntando alla valorizzazione del passato, diventa un’occasione per rianimare il paese.

Paese_Museo_Cribari_Trenta

Cribari_Trenta_frantoioUn intero centro storico, piccolo e in parte ben conservato, sta tornando a nuova vita grazie ad un’idea semplice ma allo stesso tempo interessante. Stiamo parlando di Cribari, frazione del comune di Trenta posta sulle colline della Presila cosentina, dove è ormai realtà il progetto del “paese museo”.

Come tutti i paesi della zona, anche Cribari stava conoscendo uno spopolamento che riguardava soprattutto la parte antica del paese. Vicoli caratteristici ma poco abitati, con case dalla lunga storia ma dal basso valore economico.

Cribari_Trenta_Paese_MuseoL’Amministrazione comunale, di concerto con le associazioni locali, ha così acquisito parte di questi immobili e molti di questi sono stati sistemati e conservano ora oggetti, mobili, attrezzi, in modo da ricreare diversi ambienti così com’erano un tempo.

L’idea in realtà ha origine in un’altra attività partita da circa vent’anni: la rappresentazione del Presepe vivente che nelle festività natalizie attira a Cribari gente da tutta la provincia. Partendo da questa rappresentazione è iniziata la raccolta degli oggetti e la sistemazione delle ambientazioni che ha portato oggi a trasformare l’intero paese in un museo.

Cribari_Cosenza_Paese_MuseoCribari_trenta_palmento

Uno degli aspetti che più qualificano il progetto è proprio la ricostruzione di alcuni ambienti che ripropongono le principali attività di cui disponeva un centro abitato. Luoghi dove si esercitavano mestieri ormai trasformati o scomparsi del tutto, ricostruiti alla perfezione attraverso gli utensili ed i macchinari di un tempo.

Paese_museo_CribariUn antico meccanismo di mulino, il torchio e la macina di un vecchio frantoio, il mantice della “forgia” che il fabbro utilizzava per la lavorazione del ferro, il piccolo locale adibito a palmento, tutto è stato recuperato e reso operativo.

Qualcosa di più del classico “tuffo nel passato”, grazie alle fedeli ricostruzioni, agli oggetti d’epoca e alla bellezza del borgo di Cribari.

Lorenzo Coscarella

(PeopleLife, Novembre 2014, p.20)

Advertisements

Cosenza: la rivolta sfumata di fine ottobre del 1843

L’insurrezione cosentina del 15 marzo 1844 fu preceduta da un tentativo di rivolta nell’ottobre precedente. Il tentativo fallito era stato organizzato con alcune riunioni nelle attuali frazioni di Cosenza.

Cosenza_Porta_di_Ferro_PortapianaIn una notte di fine ottobre del 1843 un gruppo di persone armate attraversava Sant’Ippolito. Proveniva da Torzano. Gli armati chiedono dell’acqua, le indicazioni della via per Donnici, e si incamminano per la loro strada.

Ci sarebbero voluti mesi per capire cosa stesse succedendo …

Clicca qui per leggere l’articolo:

La rivolta sfumata di fine ottobre del 1843

oppure sull’immagine:

Rivolta_1843_L.Coscarella

 (Parola di Vita, 4/12/2014)