Quando il Tirreno era minacciato dai turchi

Per secoli, e in particolare nel corso del ‘500, molti paesi costieri furono oggetto di scorrerie. Per prevenire il fenomeno fu realizzato un complesso sistema difensivo.

Praia a Mare

Le coste del Tirreno Cosentino, oggi luoghi di vacanza e di relax, furono nei secoli passati delle vere e proprie frontiere da presidiare. Le invasioni dei turchi resero per secoli insicuri i paesi della costa, facile preda di corsari che approdavano sulle rive e saccheggiavano i centri abitati, fino a spingersi anche nell’entroterra.

Sono note le invasioni saracene di Cosenza nel X secolo e ancor più le vicende di Amantea, che tra il IX­­ e l’XI secolo fu più volte sotto il dominio musulmano tanto da diventare sede di un emirato. Le cronache del passato sono piene di episodi di saccheggi e scorrerie, molti relativi al ‘500.

San Lucido fu uno dei paesi più colpiti da queste scorrerie, insieme a Paola, Cetraro e a molti altri centri. Nel 1534, ad esempio, le coste calabresi vennero attaccate dal corsaro Barbarossa, che dopo aver devastato Messina e Scilla si diresse più a Nord e attaccò San Lucido, saccheggiandolo e uccidendo un gran numero di persone. Gli abitanti, infatti, non poterono scappare subito e il corsaro ebbe il tempo di ucciderli e catturarli. Questi eventi portarono ad una drastica riduzione della popolazione del paese.

San_Lucido

Dopo San Lucido i turchi di Barbarossa si diressero alla volta di Cetraro. Qui trovarono la cittadina abbandonata e vuota perché gli abitanti erano intanto fuggiti. Il corsaro dunque “vi fece appiccare il fuoco” e vennero incendiate diverse navi in costruzione, perché a Cetraro aveva sede l’Arsenale dove si realizzavano le navi da guerra.

Nel 1555 anche Paola soffrì l’assedio e il saccheggio di “Dragutto gran Corsaro di Turchi”. Subirono ingenti danni il castello e il celebre monastero dei Minimi fondato da S. Francesco di Paola. Nell’atrio della Basilica di S. Francesco è ancora presente una iscrizione che ricorda il restauro dell’edificio e del convento dopo i danni delle invasioni.

Dragut

Per porre rimedio a questa situazione nel corso del ‘500 si dispose la costruzione di un vasto sistema difensivo. Lungo la costa vennero innalzate delle torri di vedetta, in collegamento visivo l’una con l’altra, per scrutare l’orizzonte e dare l’allarme in caso di avvistamento di navi nemiche. Ciò comportò non poche spese per lo Stato e tasse per gli abitanti della provincia.

Le torri venivano affidate a dei guardiani che dovevano dare presto l’allarme, ma non mancarono episodi a dir poco sospetti.

Lorenzo Coscarella

in PdV, 13/07/2017, p. 20. Clicca sull’immagine per leggere l’articolo intero:

Corsari turchi

Advertisements