Tradizioni, fuochi e versi in attesa del Natale

L’arrivo del Natale riaccende antiche usanze, tra liturgia e pietà popolare, tra sacro e profano.

Presepe

L’avvicinarsi del Natale, più che qualsiasi altro periodo dell’anno, riaccende tradizioni che affondano le loro origini in tempi remoti. Tradizioni propriamente cristiane si mescolano con altre che rimandano a periodi ancora precedenti, ma che hanno acquistato nuovi significati alla luce del messaggio cristiano.

Fuoco di Natale

Un esempio su tutti è l’usanza di accendere grandi fuochi nella notte della Vigilia in moltissimi luoghi della provincia di Cosenza, e non solo. Nei paesi è in genere la piazza principale ad ospitare le cataste di legna, e in molte località era tutta la comunità a contribuire al recupero della legna, cedendo fascine e ceppi o del denaro per acquistarle.

Fuoco NataleL’elemento del fuoco era centrale anche nelle tradizioni familiari. In ogni casa la sera della vigilia si metteva ad ardere nel camino un grosso ceppo di legno. Era posto lì dal capofamiglia e veniva lasciato ardere finché non si fosse spento da sé. Secondo Vincenzo Dorsa, studioso di tradizioni calabresi dell’Ottocento, l’importanza data al fuoco in occasione delle feste principali risale ai primi cristiani, che l’hanno mutuata da culti precedenti. Il Cristianesimo ha infatti trasmesso molte tradizioni remote, rilette in chiave nuova.

Mentre alcuni usi gettano origini in periodi precristiani, altri sono invece sorti nell’ambito della stessa liturgia. Ne è un esempio l’uso di celebrare la novena del Natale all’alba, ancor prima che faccia giorno. Si può leggere in questa tradizione un legame tra la nascita del giorno e l’attesa della nascita di Cristo, evento che porta la luce.

Spirito Santo Cosenza

Natività Duomo Cosenza

Se ne mantiene ancora l’usanza nella stessa Cosenza, nella chiesa dello Spirito Santo. Qui la celebrazione della novena alle 5:30 richiama ancora gente dai vari quartieri della città, e per molti proprio la novena di Natale è un ritorno alle origini, al quartiere dove erano cresciuti.

Le stesse celebrazioni delle novene mantengono, insieme alla liturgia prescritta, aspetti più popolari rappresentati in genere da canti in italiano e in dialetto. Componimenti tramandati spesso oralmente, e in molti casi sorti in quel filone solo apparentemente popolare del quale S. Alfonso de Liguori, con il celebre canto “Tu scendi dalle stelle”, è un importante rappresentante. I testi e i motivi variano da zona a zona, ma questo che riportiamo qui è uno dei più diffusi:

Presepe Borgo“Viva viva chi nàscia
Nàscia Gesù Bambino
Fonte divina
E mare di bontà.
Gesù Bambino nàscia
Ccu tanta povertà
Ohi quant’è bella
La sua Natività.”

In questa versione è cantata ad esempio a Borgo Partenope, ma lo stesso canto, con alcune varianti, era diffusissimo sia in città che nei dintorni e in alcune zone è tuttora recitato. A questi si affiancavano anche componimenti più “aulici”, opere in versi di intellettuali locali e diffuse probabilmente solo in centri specifici.

NataleSono aspetti del Natale più marcatamente genuini, nati da un “incontro” tra pietà popolare e intellettuali locali. Aspetti che hanno caratterizzato la religiosità delle generazioni precedenti e che meriterebbero una maggiore attenzione affinché, anche se non in uso, non vadano però dimenticati.

Lorenzo Coscarella

(Articolo pubblicato su Parola di Vita, edizione cartacea del 24/12/2015 p.8, edizione online visualizzabile qui)

Advertisements

Una tela di Salfi nella Biblioteca Civica di Cosenza

La storica biblioteca cittadina conserva un piccolo gruppo di opere d’arte, tra cui una grande tela del pittore cosentino Enrico Salfi del 1934. Era destinata ad abbellire il salone della Casa Littoria della città.

Cosenza Salfi

Il 3 febbraio del 1934 a Cosenza venne inaugurato un edificio che avrebbe dovuto svolgere un ruolo centrale nella vita politica del tempo, la Casa Littoria. L’edificio era posto in piazza Michele Bianchi, poi intitolata a Paolo Cappello dopo la caduta del regime, e attualmente è sede di un istituto scolastico.

Casa del fascio

Per abbellire il palazzo si pensò ad una serie di elementi decorativi in linea con i dettami della propaganda del regime, opere celebrative del partito o del dittatore. Delle opere previste ne rimane certamente una, in tutt’altro luogo rispetto a quello per il quale fu pensata. La si può vedere presso il salone della ristrutturata Biblioteca Civica di Cosenza, insieme ad alcune altre opere che ne abbelliscono gli ambienti.

Enrico SalfiÈ una grande tela, dai colori vivaci, conosciuta come “Omaggio al fascio” o “Allegoria della politica del fascio”. Rappresenta infatti un gruppo di persone che, seguendo una sorta di vittoria alata, rivolgono lo sguardo verso un grande fascio littorio sulla sinistra. L’opera non è generalmente considerata di eccelsa fattura, ma è degna di considerazione anche per l’autore che la realizzò: il pittore cosentino Enrico Salfi.

Nato nel 1857, il Salfi era membro di una famiglia che ha dato alla città numerosi scrittori e intellettuali. Si formò a Napoli, dove fu discepolo di Domenico Morelli, e lì studiò e dipinse varie vedute degli scavi di Pompei, dai quali fu affascinato al punto da dare uno stile “pompeiano” alla casa che fece edificare a Cosenza, nel quartiere Paparelle.

Salfi Cosenza

Nei primi mesi del 1934 il Salfi venne raggiunto nel suo studio dall’avvocato Tommaso Perri, corrispondente della rivista Brutium, con l’intento di intervistare il maestro. Quando Perri giunse nello studio del pittore, questi stava ultimando proprio l’opera destinata alla Casa Littoria. I due intavolarono una breve chiacchierata e, tra i riferimenti artistici e quelli politici, si parla anche del dipinto citato genericamente come “quadro allegorico del Fascio”, e si specifica come fosse destinato a decorare il salone centrale del palazzo inaugurato poco tempo prima.

Biblioteca CivicaSi accenna pure ad un’opera raffigurante Alarico, e dalla discussione emerge come il mito di Alarico fosse anche allora un topos molto diffuso tra gli intellettuali cosentini. L’opera destinata alla Casa Littoria di Cosenza giunse nel luogo per il quale era stata realizzata. Enrico Salfi morì nel 1935, un anno dopo l’articolo citato, e guardando l’opera non è da escludere che non sia stata completata del tutto.

Come mai ora l’opera si trova oggi presso la Biblioteca Civica? Vi arrivò probabilmente dopo la fine della II Guerra mondiale, quando la biblioteca acquisì la prestigiosa raccolta libraria appartenuta alla famiglia Salfi, e insieme ad essa alcuni dipinti.

La presenza presso la Civica della raccolta libraria e del piccolo gruppo di opere dei Salfi, ha permesso che venisse consegnato alla città un pezzo della storia della stessa famiglia, a differenza di tanti altri casi di dispersioni di libri e opere di altre famiglie illustri cittadine.

Lorenzo Coscarella

PdV, 20/11/2015, p. 17. Articolo intero:

Articolo opera Salfi Biblioteca civica