Zumpano, San Giorgio e il suo Museo

Nel museo e nella chiesa parrocchiale del casale cosentino sono custodite opere di notevole interesse, tra cui diverse legate al culto del martire San Giorgio

Trittico_Vivarini

Il simbolo di Zumpano è senza dubbio la sua chiesa parrocchiale, struttura di impostazione quattrocentesca a tre navate, dalle linee semplici ma con elementi che la rendono una delle più interessanti della provincia. Con la sua mole domina la valle sottostante e caratterizza la piazza principale del paese con il particolare campanile a vela staccato, quasi un unicum nei dintorni.

Comune_di_Zumpano

L’edificio ha il titolo di San Giorgio Martire, Patrono del paese, la cui figura avvolta nella leggenda ha ispirato artisti e scrittori di ogni epoca. Il legame tra il casale di Zumpano e il martire Giorgio è testimoniato, oltre che da diverse fonti storiografiche, anche dalle opere che ancora sono conservate nella chiesa a lui dedicata e nell’annesso museo.

Nel 2008, infatti, è stato aperto il piccolo ma interessante museo che custodisce quello che è il tesoro della chiesa di Zumpano: oggetti d’arte, paramenti sacri e argenterie commissionate nei secoli per le esigenze della chiesa e della comunità.

Il museo, frutto di una sinergia tra parrocchia e amministrazione comunale, ha permesso a questo tesoro di trovare una degna sistemazione e di essere fruibile agli zumpanesi e ai turisti che volessero visitare il piccolo centro.

La croce astile in argento del ‘500 e il pulpito del ‘600 in legno intagliato sono tra i pezzi forti dell’esposizione. Riguardo alle raffigurazioni di S. Giorgio custodite nel paese, il primo e più interessante esempio si trova proprio su quella che è l’opera più preziosa che la chiesa custodisce: il trittico di Bartolomeo Vivarini del 1480.

Bartolomeo_Vivarini

Il pannello a sinistra di chi guarda rappresenta proprio il santo martire, raffigurato in piedi e in vesti da soldato, mentre regge uno scudo con la mano sinistra e con la destra sostiene la lancia con la quale trafigge il drago che calpesta sotto i piedi. La sua presenza è significativa perché è quasi una conferma del fatto che l’opera venne commissionata proprio per la chiesa di Zumpano dal celebre artista veneto.

Lorenzo Coscarella

in PdV, 08/06/2017, p. 19. Clicca sull’immagine per leggere l’articolo intero:

Articolo Zumpano Museo S.Giorgio

Risalendo Corso Telesio

Un breve viaggio attraverso la principale strada del centro storico di Cosenza, dedicata al filosofo Bernardino Telesio.

corsotelesio

Corso Telesio è molto di più che una strada. Attraversa il cuore del centro storico di Cosenza, uno dei più estesi del Sud Italia, e ne è un po’ il biglietto da visita. Per i turisti che decidono di avventurarsi nella città vecchia non può che essere una tappa obbligata.

Un percorso lungo questa strada è già di per sé un percorso nella storia di Cosenza. Risalendo i vari tratti, infatti, è possibile incontrare alcuni degli edifici simbolo della città, e nelle adiacenze della strada diversi scavi archeologici hanno messo in evidenza i resti della Consentia brettia e romana, mentre al periodo medievale risale l’impianto viario che ancora conosciamo.

Piazza piccola

Partendo dall’attuale Piazza dei Valdesi, punto in cui il fiume Busento era attraversato da un antico ponte a tre arcate e luogo di una delle porte della città, il Corso si inerpica sul fianco del colle Pancrazio. Prende il nome da uno dei più illustri figli di Cosenza, il filosofo cinquecentesco Bernardino Telesio, ma fino all’Ottocento ogni tratto aveva un suo appellativo, legato alle professioni che vi si svolgevano o ai prodotti che si vendevano o producevano nelle varie aree: “Fontana nuova”, “Piazza delle uova” piazza piccola o “Piazza dei pesci”, “strada delli mercanti”.

Risalendo, ad un tratto la strada si allarga per far spazio alla “piazza grande” e l’attenzione viene attirata dalla imponente facciata di quello che, insieme al castello svevo, è uno dei principali monumenti della città: il Duomo.

Il tratto del corso che dal Duomo sale verso l’attuale piazza Parrasio era noto come Strada degli orefici, mentre dalla piazza in poi prendeva il nome di Giostra nuova, in contrapposizione alla Giostra vecchia che si trovava più in alto. Il nome “Giostra” deriva dall’usanza di svolgere qui gli antichi tornei a cavallo nei quali si sfidavano i cavalieri, e in questo tratto nel ‘500 vennero costruiti alcuni tra i più imponenti palazzi nobiliari della città.

Piazza Parrasio

Si giunge infine in Piazza XV Marzo, già detta “Paradiso”, a detta di molti una delle piazze più belle del Meridione. Prende il nome dall’insurrezione del 15 marzo 1844, anticipo della spedizione dei Fratelli Bandiera ricordata dalla statua raffigurante la Libertà. Su di essa affacciano edifici molto significativi come il palazzo della Provincia, il Teatro Alfonso Rendano e il palazzetto dell’Accademia e Biblioteca Civica. Telesio, con la sua statua inaugurata nel 1914, è anche qui protagonista.

Centro storico

Attraversare Corso Telesio è come compiere un viaggio attraverso i secoli, ma la storia continua nei numerosi vicoli che da qui si inoltrano nei vari quartieri della città vecchia. L’abbandono degli ultimi anni, i crolli, il degrado di molte zone, non rendono giustizia alle potenzialità della città vecchia.

Centro storico cs

La speranza è che si mettano in atto tutte le misure necessarie in primo luogo per la messa in sicurezza e, subito a seguire, per la valorizzazione di questa porzione di Cosenza. Una porzione fondamentale per una città che dovrebbe andare più fiera della sua storia plurimillenaria.

 Lorenzo Coscarella

Articolo intero su Savuto Magazine, Aprile/Maggio 2017, pp. 26-27

Corso_Telesio_L.Coscarella

Il cammino di Gioacchino: Borgo-Canale

L’iniziativa di percorrere il cammino di Gioacchino da Fiore, nel suo tratto da Borgo Partenope a San Martino di Canale, è stata particolarmente apprezzata. Ecco alcune indicazioni per chi volesse ripercorrerlo. 

Martino di Canale

Il percorso tra Borgo Partenope, antica Torzano, e Canale di Pietrafitta è lungo circa 7,2 Km. Per la prima metà, da Borgo fino all’incrocio della strada Pedace-Pietrafitta, si tratta di un percorso abbastanza facile. La seconda parte, invece, attraversa strade più ripide e sterrate. Per chi volesse percorrerlo, ecco alcune indicazioni con i riferimenti alle coordinate Google per individuare i punti principali.

Si parte dalla piazza principale di Borgo Partenope [Coordinate su mappa]. Qui sorgeva l’antica chiesa di S. Nicola, che probabilmente rientrava tra i beni posseduti da Gioacchino e posti lungo il cammino tra la città di Cosenza e la Sila.

Borgo Partenope foto L. Coscarella

Dalla piazza si imbocca la strada che si addentra tra le due file di case del paese e si continua a salire. Difficile sbagliarsi. Attraversata la piazza dedicata di recente a Pietro Negroni ci si lascia sulla destra prima uno slargo con una fontana pubblica e poi la “silica”, la scalinata che sale verso la parte superiore del paese.

Si continua lungo la strada pianeggiante e ci si allontana pian piano dal centro abitato, percorrendo le campagne lungo la collina.

Si incontreranno lungo il percorso la chiesa di S. Maria, affiancata dal cimitero, e poco più avanti una piccola cappellina. Arrivati in cima alla collina [Coordinate su mappa] il panorama spazia dalla Sila al Pollino.

Cammini di Gioacchino

Da qui è possibile individuare quasi tutti i paesi della Presila cosentina e, guardando verso Sud, si distingue Pietrafitta con in alto a sinistra la meta del percorso: la chiesa di S. Martino di Canale, nota anche come S. Martino di Giove, immersa nel verde.

Continuando per circa 2 km si giunge all’incrocio [Coordinate su mappa] tra la strada sterrata di Borgo e la strada provinciale Pedace-Pietrafitta. Bisogna svoltare a destra e percorrere la strada asfaltata per un brevissimo tratto.

Percorsi circa 20 metri sulla strada asfaltata, dalla sinistra inizia il percorso sterrato [Coordinate su mappa] che sale verso il monte. La salita si fa più ripida ma da alcuni punti la vista si apre sulla vallata circostante regalando splendidi scorci. Lungo la strada bisogna stare attenti a due incroci. Durante la salita si giunge infatti ad un punto in cui la strada si biforca: andando dritti si continua a salire, mentre a destra la strada si presenta chiusa con una sbarra in ferro: è quella a destra che bisogna imboccare. Dopo aver oltrepassato la sbarra, la strada continua normalmente ad addentrarsi nel monte fino ad un successivo incrocio. Anche in questo caso bisognerà imboccare la strada a destra, che permette di accorciare il percorso.

Proseguendo, arrivati ad uno slargo che affaccia sulla valle sottostante, ecco apparire sulla collina di fronte la chiesa di S. Martino di Canale, immersa nella natura e isolata da tutto il resto.

Canale pietrafitta

Qui la strada peggiora per un piccolo tratto particolarmente sterrato e in salita ma, superato questo, si riprende il sentiero normale e si giunge presto alla meta [Coordinate su mappa]. Un luogo molto suggestivo, caratterizzato dallo splendido paesaggio e dall’appena restaurata chiesetta medievale di S. Martino. In questo luogo Gioacchino da Fiore trovò la sua prima sepoltura, dopo esservi morto mentre attendeva ai lavori di ricostruzione e trasformazione dell’edificio in grangia florense.

absidi-chiesa

Il cammino tra la frazione di Cosenza e San Martino di Canale è stato percorso in due occasioni, domenica 23 ottobre 2016 e sabato 25 marzo 2017.

Lorenzo Coscarella

La Saracena calabrese

Saracena: tra vicoli, chiese e palazzi, uno sguardo al paese ai piedi del Pollino in un giorno di mercato

sacacena

È la Saracena circondata di forte muraglia, con molte Torri all’intorno, con quattro porte, che s’esce alle campagne, le quali sono molte spaziose, e fertilissime”. Così scriveva a fine ‘600 Giovanni Fiore a proposito di Saracena, paese alle falde del Pollino ancora innevato dal quale, però, lo sguardo giunge fino al Mar Ionio.

calabria-illustrata

Facciamo un giro nel paese in un giorno di mercato, e le luminarie sparse per le strade ci ricordano anche che è la vigilia della festa di S. Leone, uno degli appuntamenti più attesi della zona.

Delle mura e delle torri non c’è più quasi più traccia, demolite o inglobate nel resto delle costruzioni che costituiscono il dedalo di vicoli del centro storico. Come non c’è quasi più traccia del maestoso castello che dominava l’abitato, del quale restano poche foto e la celebre stampa tratta dall’opera del Pacichelli.

pacichelli

saracena-castello

Un peccato che sia stato demolito, in varie fasi tra gli anni ’30 e gli anni ’70, trattandosi del simbolo delle vicende feudali di un paese appartenuto a diverse famiglie, dai Sanseverino agli Spinelli, passando per i duchi Pescara di Diano.

Le tracce del passaggio di queste famiglie, e delle altre famiglie notabili che hanno influenzato la storia di Saracena negli ultimi cinquecento anni, si possono ancora notare lungo i vicoli, sulle facciate dei palazzi e soprattutto nelle chiese, che custodiscono dei veri e propri tesori.

This slideshow requires JavaScript.

Basti dare un’occhiata alla chiesa di San Leone che, come scriveva un autore dell’800, “rassembra una celebre, e sontuosa Basilica”. L’edificio, il cui aspetto attuale è il frutto di numerosi rimaneggiamenti effettuati nel corso dei secoli, presenta non pochi elementi di interesse: dalla cappella del titolare in marmi policromi del ‘700 al fonte in pietra a forma di leone accovacciato, dalle numerose statue lignee seicentesche al ciborio marmoreo cinquecentesco, fino a quella che dovette essere la cappella dei locali feudatari.

This slideshow requires JavaScript.

La chiesa è intitolata al santo maggiormente venerato a Saracena, il cui culto è attestato nel paese già nel 1224 e che nel 1630 venne acclamato dagli abitanti come Patrono e confermato in questo ruolo dal papa del tempo. La festa di San Leone, come dicevamo, è conosciuta non solo dalla gente dei dintorni ma anche oltre ed una delle feste tradizionali più particolari della Calabria.

s-leone-saracena

Insieme a San Leone e ai fucarazzi Saracena fa parlare ancora di sé il suo moscato, per il quale era celebre già nei secoli passati anche oltre i confini della regione. Intanto vive attualmente i problemi di tutti i paesi calabresi, con la necessità di lavorare ancora molto per valorizzare ciò che resta del passato e, allo stesso tempo, cercando di creare i presupposti per il futuro del paese. E vista l’importanza delle tracce che il passato ha lasciato, chissà che le due cose non possano fondersi.

Lorenzo Coscarella

saracena-cosenza

Il Governatore scrive al Rey

Ugo de Moncada, Governatore delle province della Calabria, agli inizi del ‘500 inviò da Cosenza una lettera al Re di Spagna Ferdinando il Cattolico 

im_130

Brandelli di storia della città di Cosenza, dispersi nel corso dei secoli e a volte salvatisi fortuitamente, possono trovarsi nei luoghi più impensati. Presentiamo qui il caso di una lettera inviata da Cosenza nei primi anni del ‘500 da Ugo de Moncada, allora Governatore della Calabria, e indirizzata al Re di Spagna (e di Napoli) Ferdinando il Cattolico.

La lettera si trova attualmente presso la Bibliothèque nationale de France a Parigi, e fa parte della collezione dei manoscritti spagnoli. Ugo de Moncada era infatti nato a Valenza, e da qui venuto in Italia a combattere in un primo momento per il celebre Cesare Borgia, e poi passato dalla parte del generale spagnolo Consalvo de Cordoba. De Moncada fu un personaggio in vista, cavaliere gerosolimitano e più volte nominato capitano avendo partecipato a numerose battaglie.

ugo-de-moncada

Ma che ci fa un tale personaggio a Cosenza nei primi anni del XVI secolo? Nel 1504 Ugo de Moncada venne inviato in Calabria per sedare una delle varie rivolte, e per il risultato ottenuto fu nominato Luogotenente e Governatore delle province della Calabria il 28 novembre 1506. In virtù della carica ricoperta aveva in Cosenza il centro dei suoi affari, visto che la città era allora la città principale della regione.

La lettera venne spedita da Cosenza il 22 gennaio ma non si precisa di quale anno. Vista la permanenza di de Moncada in Calabria tra il 1504 ed il 1509 si potrebbe però riferirla a questi anni. È scritta in spagnolo ed è indirizzata “Al muy alto y muy poderoso Catolico Rey y Señor el Rey n.ro Señor”. Si tratta di Ferdinando d’Aragona, marito della celebre Isabella di Castiglia e sovrano spagnolo che, tra i vari titoli, detenne anche quello di Re di Napoli fino alla morte avvenuta nel 1516.

im_132
La lettera sembra una comunicazione di informazioni al sovrano circa la conduzione di alcune cariche in Calabria. In particolare si citano la Capitanìa di Crotone e l’Ufficio di Cosenza, città sede del governatore della regione. Le cariche sembrano collegate a tale Juan Dias, sul quale il de Moncada scrive di non poter “dezir sino bien”. La missiva prosegue con una supplica al sovrano, con l’auspicio di una lunga vita al regnante, e con l’indicazione della città, cosençia, e della data, 22 di gennaio. Chiude infine con delle formule di saluto abbreviate e, in basso a destra, la firma “don Ugo de Mon/cada”.

Nel dicembre 1509 de Moncada lasciò la Calabria per la Sicilia, essendo stato nominato Vicerè di quel regno. Nel 1527, infine, dopo varie vicende, venne inoltre ottenne la prestigiosa carica di Vicerè di Napoli, che mantenne fino alla morte avvenuta in combattimento l’anno successivo.
Il documento entrò a far parte di una collezione di lettere autografe del principe Ruffo Scilla, raccolta che nel 1854 venne acquistata dalla biblioteca parigina che la custodisce tuttora.

Lorenzo Coscarella

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo intero:

ugo-de-moncada-articolo-l-coscarella

PdV, 25/12/2016, p. 19

Gli ultimi anni della seta cosentina

L’Istituto Bacologico per la Calabria, con sede a Cosenza, negli anni ’20 rappresenta una delle ultime esperienze in provincia nella secolare produzione dei bozzoli.

20161106_230027

Agli inizi del ‘900 l’industria della seta in provincia di Cosenza stava vivendo il suo ultimo periodo di splendore. Le nuove tecnologie introdotte con la rivoluzione industriale erano pian piano giunte anche in Calabria e avevano contribuito all’impianto di moderne filande in molti luoghi della provincia e nella stessa città capoluogo. Cosenza, del resto, era da secoli uno dei mercati principali della seta, e nel cuore del centro storico c’è ancora un luogo che ne porta traccia nel nome: la piazzetta dei follari.

Posta tra via del Liceo e via Padolisi, proprio sotto l’antico monastero delle Vergini, era il luogo in cui gli allevatori di bozzoli portavano il frutto del proprio lavoro per essere venduto ai produttori più grossi che si occupavano poi delle successive fasi della lavorazione. Il luogo era noto anche come “chjazza d’i cucùlli” proprio dal termine che in dialetto indica i bozzoli.

Nonostante le innovazioni, però, nei primi decenni del ‘900 erano già evidenti i segnali del vicino declino di questa secolare attività. La produzione della seta, infatti, era sempre meno conveniente e il prodotto che giungeva da altri paesi era economicamente più competitivo. Di conseguenza l’allevamento dei bozzoli per la produzione locale di seta grezza diventava sempre meno redditizio.

In provincia una delle ultime e interessanti esperienze in questo settore è rappresentata dall’attività dell’Istituto Bacologico per la Calabria. Pur avendo sede in Cosenza si occupava dell’intero territorio regionale, ed era stato fondato e per lungo tempo diretto dal prof. Luigi Alfonso Casella, che nel campo aveva maturato una notevole esperienza.

È possibile ricavare delle interessanti informazioni sull’attività di questo istituto da una pubblicazione edita a Cosenza nel 1929.

L’Istituto calabrese faceva capo all’Ente Nazionale Serico, e pur tra varie difficoltà nell’approvvigionamento di finanziamenti si occupava di diffondere la sericoltura nella regione, divulgando nuovi metodi, facendo propaganda e distribuendo in alcuni casi semi e strumenti ai bachicoltori.

gelsi-seta

Tra i compiti dell’Istituto rientrava anche fornire il seme dei bachi e incentivare la distribuzione e la coltivazione degli alberi di gelso. Oltre a ciò diffondeva l’utilizzo di alcuni strumenti utili all’allevamento del baco, per innovare così una attività che seguiva ritmi secolari. Tra questi le incubatrici in cui allevare il baco da seta.

Cosenza nel 1928 era ancora sede del mercato dei bozzoli più influente in Calabria, tanto che leggiamo che in quell’anno i primi bozzoli vennero in alcuni casi venduti “a prezzo di riferimento a determinati listini del mercato di Cosenza. Ma il mercato stava già perdendo lentamente la sua importanza.

Lorenzo Coscarella

in PdV, 10/11/2016, p. 19. Clicca sull’immagine per leggere l’articolo intero:

articolo-seta-prov-cosenza-inizi-900

L’ultima casa di Gioacchino

Il 22 settembre segna la data di inizio della nuova vita della Grangia florense di San Martino di Canale, luogo della morte dell’abate Gioacchino.

san-martino-di-giove

San Martino di Canale, o di Giove, è senza dubbio uno dei luoghi più significativi della Calabria medievale, tanto importante quanto sconosciuto. Almeno fino a qualche mese fa con l’inizio dei lavori di restauro.

La morte di Gioacchino a Canale nel 1202 ha consegnato il luogo alla storia, e qui il corpo dell’abate restò per diversi anni prima di essere trasportato a S. Giovanni in Fiore nell’Abbazia Florense. La storia della chiesa di Canale, però, è molto più antica. Qui viveva nel X secolo un gruppo di eremiti di impronta basiliana guidati da S. Ilarione, che per sfuggire alle invasioni saracene lasciarono il luogo spostandosi nel Centro Italia, dove la loro memoria è ancora viva.

Il luogo in cui morì e in cui trovò la sua prima sepoltura il celebre abate Gioacchino da Fiore, a qualche chilometro di distanza da Pietrafitta, esce finalmente dall’abbandono che lo ha caratterizzato per secoli e torna ad essere ora patrimonio di tutti.

L’inaugurazione del 22 settembre 2016 ha segnato il punto di arrivo di un percorso durato alcuni anni, che ha visto la ristrutturazione dell’antico edificio dopo che alcuni crolli ne stavano compromettendo la staticità. I lavori, eseguiti da una squadra di professionisti del luogo guidata dall’architetto Lopetrone, hanno permesso di individuare le murature della struttura originaria, nel frattempo soprelevata e trasformata in casa colonica e magazzini.

Eliminando le superfetazioni si è messa in evidenza la struttura della chiesa, cercando di riportare l’edificio all’aspetto originario, rispettando il più possibile quanto emergeva nel corso dei lavori. La navata ora è stata riaperta nella sua interezza, le soprelevazioni sono state demolite e la copertura ripristinata con capriate a vista. È stata ripristinata la piccola cappella laterale e anche l’annesso locale che poteva fungere da abitazione.

Lorenzo Coscarella

in PdV, 25/09/2016, p. 17. Clicca sull’immagine per leggere l’articolo intero:

lorenzo-coscarella-articolo-canale-pietrafitta