Un’acquaforte di Ferro sui bombardamenti del 1943

L’opera vuole far riflettere sull’importanza di non dimenticare gli errori del passato e raffigura un angolo della città di Cosenza sventrato dalle bombe della II Guerra mondiale.

bombardamenti_cosenza

Dare un corpo, una dimensione artistica, alle riflessioni. È quello che ogni artista cerca di fare nel processo creativo che porta alla realizzazione delle opere, ed è quello che il Francesco Ferro ha compiuto lavorando ad una delle sue ultime incisioni, dedicata ai bombardamenti su Cosenza del 1943. Continua a leggere

Zumpano, San Giorgio e il suo Museo

Nel museo e nella chiesa parrocchiale del casale cosentino sono custodite opere di notevole interesse, tra cui diverse legate al culto del martire San Giorgio

Trittico_Vivarini

Il simbolo di Zumpano è senza dubbio la sua chiesa parrocchiale, struttura di impostazione quattrocentesca a tre navate, dalle linee semplici ma con elementi che la rendono una delle più interessanti della provincia. Con la sua mole domina la valle sottostante e caratterizza la piazza principale del paese con il particolare campanile a vela staccato, quasi un unicum nei dintorni. Continua a leggere

Una tela di Salfi nella Biblioteca Civica di Cosenza

La storica biblioteca cittadina conserva un piccolo gruppo di opere d’arte, tra cui una grande tela del pittore cosentino Enrico Salfi del 1934. Era destinata ad abbellire il salone della Casa Littoria della città.

Cosenza Salfi

Il 3 febbraio del 1934 a Cosenza venne inaugurato un edificio che avrebbe dovuto svolgere un ruolo centrale nella vita politica del tempo, la Casa Littoria. L’edificio era posto in piazza Michele Bianchi, poi intitolata a Paolo Cappello dopo la caduta del regime, e attualmente è sede di un istituto scolastico. Continua a leggere

Il pittore nascosto tra gli invitati

Tra i personaggi rappresentati nel “matrimonio della Vergine” in una cappella della Cattedrale si nasconde l’autoritratto del pittore ottocentesco Giovanni Battista Santoro.

ImmagineL’evento è solenne, e tutti sono attenti ad osservare ciò che si sta svolgendo sotto i loro occhi. Tutti meno uno. Stiamo parlando della scena del quadro raffigurante il matrimonio della Vergine conservato nella Cattedrale di Cosenza presso la cappella del Pilerio, nota per ospitare la celebre tavola duecentesca della Patrona della città Continua a leggere