Zumpano, San Giorgio e il suo Museo

Nel museo e nella chiesa parrocchiale del casale cosentino sono custodite opere di notevole interesse, tra cui diverse legate al culto del martire San Giorgio

Trittico_Vivarini

Il simbolo di Zumpano è senza dubbio la sua chiesa parrocchiale, struttura di impostazione quattrocentesca a tre navate, dalle linee semplici ma con elementi che la rendono una delle più interessanti della provincia. Con la sua mole domina la valle sottostante e caratterizza la piazza principale del paese con il particolare campanile a vela staccato, quasi un unicum nei dintorni.

Comune_di_Zumpano

L’edificio ha il titolo di San Giorgio Martire, Patrono del paese, la cui figura avvolta nella leggenda ha ispirato artisti e scrittori di ogni epoca. Il legame tra il casale di Zumpano e il martire Giorgio è testimoniato, oltre che da diverse fonti storiografiche, anche dalle opere che ancora sono conservate nella chiesa a lui dedicata e nell’annesso museo.

Nel 2008, infatti, è stato aperto il piccolo ma interessante museo che custodisce quello che è il tesoro della chiesa di Zumpano: oggetti d’arte, paramenti sacri e argenterie commissionate nei secoli per le esigenze della chiesa e della comunità.

Il museo, frutto di una sinergia tra parrocchia e amministrazione comunale, ha permesso a questo tesoro di trovare una degna sistemazione e di essere fruibile agli zumpanesi e ai turisti che volessero visitare il piccolo centro.

La croce astile in argento del ‘500 e il pulpito del ‘600 in legno intagliato sono tra i pezzi forti dell’esposizione. Riguardo alle raffigurazioni di S. Giorgio custodite nel paese, il primo e più interessante esempio si trova proprio su quella che è l’opera più preziosa che la chiesa custodisce: il trittico di Bartolomeo Vivarini del 1480.

Bartolomeo_Vivarini

Il pannello a sinistra di chi guarda rappresenta proprio il santo martire, raffigurato in piedi e in vesti da soldato, mentre regge uno scudo con la mano sinistra e con la destra sostiene la lancia con la quale trafigge il drago che calpesta sotto i piedi. La sua presenza è significativa perché è quasi una conferma del fatto che l’opera venne commissionata proprio per la chiesa di Zumpano dal celebre artista veneto.

Lorenzo Coscarella

in PdV, 08/06/2017, p. 19. Clicca sull’immagine per leggere l’articolo intero:

Articolo Zumpano Museo S.Giorgio

Portapiana: restaurato il dipinto di Santoro

La tela raffigurante il Battesimo di Cristo, dipinta dal pittore di Fuscaldo nel 1846, è stata restaurata e ha fatto ritorno nella chiesa di S. Giovanni a Portapiana, una delle più antiche della città.

Giovanni Battista Santoro

Portapiana, il quartiere del centro storico di Cosenza posto ai piedi del Castello, riscopre un suo tesoro artistico appena restaurato. È il dipinto raffigurante il Battesimo di Cristo da parte di S. Giovanni Battista, olio su tela conservato da 170 anni nella chiesa di S. Giovanni, che secondo la storiografia locale sarebbe una delle più antiche chiese della città.

La tela è stata restaurata ed ha fatto ritorno nella sua chiesa d’origine sabato 27 febbraio.

S. Giovanni PortapianaL’opera venne dipinta da un noto pittore locale dell’800, Giovan Battista Santoro, nato a Fuscaldo nel 1809 e morto a Napoli nel 1895 dopo  aver raggiunto una discreta fama. La tela è siglata con le iniziali intrecciate dell’artista e datata 1846, come si può vedere in basso sulla roccia sotto i piedi del Battista. La scritta in basso a destra attesta invece il nome del committente dell’opera.

Santoro era dunque un pittore particolarmente apprezzato dagli ecclesiastici cosentini oltre che da molte famiglie in vista. Lo dimostra anche la presenza di un suo quadro nel duomo, fatto eseguire dai sacerdoti “partecipanti” della Cattedrale, o il ritratto di Francesco Saverio Salfi oggi custodito dalla Biblioteca Civica.

Santoro CosenzaIl quadro venne posto sull’altare maggiore della chiesa portapianese, realizzato lo stesso anno in stucco dipinto per dare l’effetto dei marmi policromi. È evidente però che nella stessa posizione è presente la nicchia che dovette ospitare la statua settecentesca del titolare. Come mai questa sovrapposizione tra statua e quadro? Difficile dirlo.

Si spera che l’opera ritorni ad occupare la cornice in stucco per la quale venne realizzata, completando così il ciclo pittorico che arricchisce la chiesa con una delle scene principali della vita del Battista.

Lorenzo Coscarella

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo intero:

Tela Battesimo di Cristo di Santoro a Portapiana

PdV, 03/03/2016, p. 18.

Una tela di Salfi nella Biblioteca Civica di Cosenza

La storica biblioteca cittadina conserva un piccolo gruppo di opere d’arte, tra cui una grande tela del pittore cosentino Enrico Salfi del 1934. Era destinata ad abbellire il salone della Casa Littoria della città.

Cosenza Salfi

Il 3 febbraio del 1934 a Cosenza venne inaugurato un edificio che avrebbe dovuto svolgere un ruolo centrale nella vita politica del tempo, la Casa Littoria. L’edificio era posto in piazza Michele Bianchi, poi intitolata a Paolo Cappello dopo la caduta del regime, e attualmente è sede di un istituto scolastico.

Casa del fascio

Per abbellire il palazzo si pensò ad una serie di elementi decorativi in linea con i dettami della propaganda del regime, opere celebrative del partito o del dittatore. Delle opere previste ne rimane certamente una, in tutt’altro luogo rispetto a quello per il quale fu pensata. La si può vedere presso il salone della ristrutturata Biblioteca Civica di Cosenza, insieme ad alcune altre opere che ne abbelliscono gli ambienti.

Enrico SalfiÈ una grande tela, dai colori vivaci, conosciuta come “Omaggio al fascio” o “Allegoria della politica del fascio”. Rappresenta infatti un gruppo di persone che, seguendo una sorta di vittoria alata, rivolgono lo sguardo verso un grande fascio littorio sulla sinistra. L’opera non è generalmente considerata di eccelsa fattura, ma è degna di considerazione anche per l’autore che la realizzò: il pittore cosentino Enrico Salfi.

Nato nel 1857, il Salfi era membro di una famiglia che ha dato alla città numerosi scrittori e intellettuali. Si formò a Napoli, dove fu discepolo di Domenico Morelli, e lì studiò e dipinse varie vedute degli scavi di Pompei, dai quali fu affascinato al punto da dare uno stile “pompeiano” alla casa che fece edificare a Cosenza, nel quartiere Paparelle.

Salfi Cosenza

Nei primi mesi del 1934 il Salfi venne raggiunto nel suo studio dall’avvocato Tommaso Perri, corrispondente della rivista Brutium, con l’intento di intervistare il maestro. Quando Perri giunse nello studio del pittore, questi stava ultimando proprio l’opera destinata alla Casa Littoria. I due intavolarono una breve chiacchierata e, tra i riferimenti artistici e quelli politici, si parla anche del dipinto citato genericamente come “quadro allegorico del Fascio”, e si specifica come fosse destinato a decorare il salone centrale del palazzo inaugurato poco tempo prima.

Biblioteca CivicaSi accenna pure ad un’opera raffigurante Alarico, e dalla discussione emerge come il mito di Alarico fosse anche allora un topos molto diffuso tra gli intellettuali cosentini. L’opera destinata alla Casa Littoria di Cosenza giunse nel luogo per il quale era stata realizzata. Enrico Salfi morì nel 1935, un anno dopo l’articolo citato, e guardando l’opera non è da escludere che non sia stata completata del tutto.

Come mai ora l’opera si trova oggi presso la Biblioteca Civica? Vi arrivò probabilmente dopo la fine della II Guerra mondiale, quando la biblioteca acquisì la prestigiosa raccolta libraria appartenuta alla famiglia Salfi, e insieme ad essa alcuni dipinti.

La presenza presso la Civica della raccolta libraria e del piccolo gruppo di opere dei Salfi, ha permesso che venisse consegnato alla città un pezzo della storia della stessa famiglia, a differenza di tanti altri casi di dispersioni di libri e opere di altre famiglie illustri cittadine.

Lorenzo Coscarella

PdV, 20/11/2015, p. 17. Articolo intero:

Articolo opera Salfi Biblioteca civica

Il pittore nascosto tra gli invitati

Tra i personaggi rappresentati nel “matrimonio della Vergine” in una cappella della Cattedrale si nasconde l’autoritratto del pittore ottocentesco Giovanni Battista Santoro.

ImmagineL’evento è solenne, e tutti sono attenti ad osservare ciò che si sta svolgendo sotto i loro occhi. Tutti meno uno. Stiamo parlando della scena del quadro raffigurante il matrimonio della Vergine conservato nella Cattedrale di Cosenza presso la cappella del Pilerio, nota per ospitare la celebre tavola duecentesca della Patrona della città ma che al suo interno custodisce anche questa ed altre opere degne di attenzione.

Osservando il dipinto, infatti, si nota sulla destra un personaggio che, al contrario degli altri, volge lo sguardo verso chi osserva e non verso la scena principale. Secondo la tradizione è lo stesso autore del dipinto, che sembra abbia voluto mettere così al posto della solita firma la sua intera figura, quasi a voler lasciare una impronta più forte di sé.

Si tratta Giovanni Battista Santoro, pittore nato a Fuscaldo nel 1809 e che nel corso della sua vita ha lasciato sue opere sparse per la provincia, per morire poi a Napoli nel 1895. 

dipinto-santoro-cosenzaL’opera venne commissionata al Santoro, che ancor giovane godeva di una certa fama, dai sacerdoti della Cattedrale. Lo si ricava dalla scritta ancora visibile sullo scalino sotto i piedi di S. Giuseppe e riportata anche dallo storico M. Borretti: “Pro devotione presbyterorum, partecipantium Metropolitanae Consentinae 1838”.

Il pittore si raffigura come un giovane, con la barba dalla forma tipica dei ritratti ottocenteschi, mentre con le braccia conserte se ne sta in disparte in un angolo della scena, proprio accanto il bastone fiorito di S. Giuseppe.

La tela è conservata nel riquadro della parete sinistra della cappella, e fa da controparte a un dipinto raffigurante lo stesso soggetto posto sulla parete opposta. Qual è la ragione di due tele simili nello stesso luogo? Il motivo è semplice ed è da ricondurre a cause “tecniche”. Quel posto era occupato dall’importante tela dell’Immacolata di Luca Giordano, già proveniente dalla chiesa dei Cappuccini nei pressi del Castello e portata in Cattedrale dopo la soppressione del convento. Qui rimase almeno fino agli anni trenta del ‘900, quando per motivi di sicurezza venne trasferita in Curia ed al suo posto se ne pose uno che ben si adattava allo spazio disponibile: lo sposalizio della Vergine di Santoro.

Il dipinto era già conservato in sagrestia, dove era stato segnalato dagli storici Borretti e Minicucci insieme a molte altre tele di varia epoca e provenienza, e con lo spostamento nella cappella del Pilerio raggiunse una più degna collocazione.

cosenza-pilerio

È interessante notare come lo stesso Santoro si fosse occupato del quadro dell’Immacolata del Giordano, sostituito poi dalla sua opera, del quale aveva scritto una appassionata descrizione pubblicata nel periodico locale “Il Calabrese” nel 1844.

Di Giovanni Battista Santoro, alla cui famiglia appartennero numerosi artisti di livello tra cui vari figli e nipoti, oltre al citato matrimonio della Vergine si possono ammirare in città anche altri dipinti. Interessante il ritratto di Francesco Saverio Salfi attualmente conservato presso la Biblioteca civica, esempio di opera di committenza privata cosentina. Tre le opere di provenienza ecclesiastica sono da citare la tela del 1846 con il Battesimo del Cristo nella chiesa di S. Giovanni a Portapiana, o il S. Giuda Taddeo del 1882 nella chiesa dello Spirito Santo.

Ma l’opera conservata in Cattedrale ha qualcosa in più. Il ritratto che il pittore ha voluto lasciare di sé è infatti una testimonianza importante che sembra accorciare le distanze tra chi ammira l’opera e chi l’ha dipinta, consegnandocene una “foto” che ce lo rende più familiare.

Lorenzo Coscarella

(Parola di Vita, A.5 n. 25(162) del 20 settembre 2012, p.18)

Articolo_tela_Santoro_PdV_Coscarella